7 febbraio: Abitare i luoghi, abitare i linguaggi- Incontro tra Tullio De Mauro e Jojo, giovane migrante eritreo

| 25 Gennaio 2013

 

7 febbraio - ore 16,30

Teatro stabile d’Essai Due

vicolo Due Macelli, 37 Roma

 

 

Cosa potranno mai dirsi l’emerito professore e linguista Tullio De Mauro e il giovane Jojo, ragazzo di origine eritrea?

 

Fondazione IntegrA/Azione e S.CO.S.S.E. mettono a colloquio i due per esplorare l’accessibilità e la comprensibilità degli universi simbolici di identificazione. E cioè la lingua, i costumi, l’ambiente, la gestualità quotidiana, la ritualità che costituiscono le basi dell’identità culturale di ognuno.

 

Tullio De Mauro Josef Temane Tewalde, questo il vero nome di Jojo, si incontreranno a Roma il prossimo 7 febbraio (ore 16,30) sul palco del Teatro stabile d’Essai Due Roma (vicolo Due Macelli, 37).

 

Il singolare appuntamento vuole far emergere con forza tutte le contraddizioni che si annidano nel complesso processo di incontro e dialogo tra culture differenti.

 

L’idea nasce in seguito alla pubblicazione della Guida Cittadinanza, un piccolo manuale (pagg. 156) tradotto nelle lingue straniere più diffuse (inglese, francese, arabo) e arricchito con molte immagini. Il testo, scritto in modo agevole e chiaro, vuole rappresentare, per chi è appena arrivato, un aiuto nella gestione autonoma della quotidianità e nel reperire facilmente le prime informazioni sul territorio, sull’ingresso e il soggiorno in Italia, sui documenti, sui servizi sanitari e sul sistema di protezione e tutele