6 giugno: RifugiArti, giornata tra arti e culture del mondo In evidenza

|

RifugiArti, giornata tra arti e culture del mondo

 

6 giugno 2013 - ore 15:00 - 20:00

Centro cittadino per le migrazioni, Via Assisi 41

 

Eventi artistico-culturali

_ Mostra fotografica di Mohammed Keita: Piedi, scarpe, bagagli. ‘…tragitti estenuanti stipati nei camion, decine e decine di chilometri percorsi a piedi, messi nelle carceri nordafricane, la paura della morte, la speranza di farcela’.

_ Mostra di pittura ‘Appunti di Clarisse’ – di Clarisse ka sèbèriw. Arte figurativa, lavori su tela e altri materiali, legati alla realtà contemporanea del suo paese (Bobo-Dioulasso - Burkina Faso), alle scene di vita quotidiana, ma anche astratti, ad espressione del suo mondo interiore.

_ Cortometraggi di video interviste realizzati dalla Coop. Civico Zero, finanziati da Save the Children: ‘La polvere di Kabul’ di Morteza Kaleghi - menzione per la sezione Under 30 al Premio Mutti - girato con un telefonino cellulare durante il percorso migratorio dell’autore dall’Afghanistan all’Italia; ‘Ricordi amari’, intervista ad un giovane afgano interamente realizzata a Roma a bordo del tram n.3.

_ Racconti/testimonianze di viaggio ed esperienze di ragazzi afgani, recitati in lingua farsi dall’autore e in italiano da operatori di Programma integra. Usare due lingue, per ‘sentire meglio’, per ‘sentire di più’.

_ Racconto/testimonianza del viaggio di Mohammed Keita dalla Costa D’Avorio in Italia.

_ Musica dal vivo con le percussioni di Talla Mboup dal Senegal.

Mercatino etnico-gastronomico

_ Fattorie Migranti. Una bancarella colma di pane, grissini, frolle, tortine….. ‘Dolce e salato….questo è il nostro modo di vedere il mondo’.

_ Makì - Sapori del mondo. Il gruppo richiedenti asilo di Laboratorio 53 imbandisce per l’occasione una tavola con un aperi-cena che profuma di spezie e carcadè.

_ Progetto Yogurt Barikamà. E’ il progetto di micro-reddito che vede la produzione di yogurt biologico e la sua vendita nei circuiti solidali. ‘Ed ecco che fino ad adesso quest’avventura ci garantisce un piccolo sostentamento e una rete sempre più grande di conoscenze’.

_ REFUGEE scART. Arte migrante - spostamenti coraggiosi aiutando riciclo terra. Oggetti artigianali fatti interamente di materiali di scarto, sono il risultato della creatività e sensibilità' estetica delle terre d'origine di rifugiati coraggiosi, che spostandosi per mari e terre alla ricerca di protezione, vogliono contribuire al bene comune, ripulendo l'ambiente e utilizzando rifiuti per trasformarli in doni preziosi.

_ Civico Zero. Da giovani mani che arrivano dal Burkina Faso, riciclaggio di cartone che prende mille forme, di case, di totem, di ingegno che si fa arte.

_ Sartoria Alì. Ago, filo e precisione. L’ arte nel creare il nuovo e nel riparare il vecchio.

Programma

Info: tel. 0678850299 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultima modifica il Domenica, 09 Giugno 2013 18:44