13 Gennaio 2015

"DRAGON DREAMING - Percorso autoformativo pratico"

Accompagnati  da Uri Noy-Meir

(Ogni primo e terzo Venerdi del mese dalle ore 17.30)

Dal sogno alla celebrazione... Economia del dono

 Sede dell'attività: Viale Ippocrate 96- Roma                                                    Per iscrizioni e informazioni (clicca sull'immagine o scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dragon Dreaming

Da febbraio inizia un percorso sul Dragon Dreaming a Roma, presso la sede di Interculturando Roma.

Il Dragon Dreaming (www.dragondreaming.org) offre strumenti, teorie, suggerimenti e tecniche per incrementare la capacità di progettare e realizzare i propri progetti che si evolvono insieme alla nostra abilità di immaginare il risanamento di un mondo ferito.

Dragon Dreaming, un metodo olisitico, un approccio sperimentato per oltre 20 anni in Australia e ora diffuso anche in Africa, USA e Europa, di grande ispirazione e significato, che assiste e incoraggia individui e gruppi che cercano di realizzare i propri sogni.

Dragon Dreaming è basato sul potere dei nostri sogni di evocare un futuro che porta avanti le nostre possibilità più profonde. Invece di creare nuove istituzioni statiche, il Dragon Dreaming mira alla creazione di una serie ininterrotta di progetti, che si evolvono insieme alla nostra abilità di immaginare il risanamento di un mondo ferito. C'è sempre una frattura tra il mondo che noi conosciamo e il mondo che sogniamo. Molto spesso noi accettiamo la piccola realtà, invece di aspirare alla versione completa di quello a cui il nostro cuore aspira. Il Dragon Dreaming ci sostiene nel camminare insieme per costruire ponti tra il passato e il futuro, pur rimanendo profondamente radicato nel presente. Un viaggio di mille miglia comincia sempre con un solo passo. Il Dragon Dreaming è stato sviluppato in Australia, dove vive il Serpente Arcobaleno, e dove è ancora pulsante il tempo del sogno. Il metodo si ispira alla teoria del caos e della complessità, alla teoria dei sistemi viventi, e all' antica spiritualità degli aborigeni dell'australia, e punta a sostenere il Grande Cambiamento (come descritto da Joanna Macy ed altri), cioè la trasformazione della consapevolezza umana attraverso una nuova cultura di sostegno alla vita.

 

Sul facilitatore

Uri Noy Meir è facilitatore di arti partecipative e regista teatrale; ha condotto laboratori trasformativi e formazioni per persone che lavorano nel sociale e nell’educazione, attiviste/i e artisti/e in giro per il mondo. Uri si è formato con rinomate/i praticanti del Teatro dell’Oppresso (TDO) e, nella sua pratica, esplora i punti di contatto tra il TDO e altri approcci e metodologie affini; Recentemente esplora la connessione tra il TDO e il Dragon Dreaming e il Metodo del Consenso

 

 Per motivi organizzativi vi preghiamo di segnalare la partecipazione entro il 5 febbraio. Grazie! 

Share

Altro in questa categoria: PERCORSO DI BIODANZA »