Diritti non sono un costo- Immigrazione, Welfare e finanza pubblica 

Il Rapporto curato dalla ong Lunaria dal titolo ‘I diritti non sono un costo. Immigrazione, welfare e finanza pubblica’ è stato presentato il 29 novembre 2013 a Roma. Il report è stato finanziato da Open Society Fundation.  La domanda di fondo che si sono fatti i curatori della ricerca è : “l’immigrazione costituisce davvero un “rischio” per la sostenibilità del nostro sistema economico e di welfare?”
L’assunto del  rapporto è quello appunto che i diritti (dei migranti in particolare) non sono un “costo”. Accogliere, includere, garantire i diritti di cittadinanza è giusto e anche conveniente per la finanza pubblica.
La ricerca parte dall’apporto economico della popolazione residente straniera al sistema Italia per poi fare una stima della spesa imputabile agli stranieri nel nostro welfare dalla scuola alla sanità.  “La spesa sociale imputabile ai cittadini stranieri e gli stanziamenti destinati alle politiche di contrasto, di accoglienza e di inclusione sociale dei migranti, secondo le stime di Lunaria relative all’anno 2011, incidono complessivamente per il 2,07% sulla spesa pubblica complessiva – spiega Lunaria in un comunicato - Se invece restringiamo il campo di osservazione alle politiche per così dire “dedicate”, gli stanziamenti per le politiche di accoglienza e di inclusione sociale dei migranti rappresentano lo 0,017% della spesa pubblica complessiva rispetto allo 0,034% di incidenza degli stanziamenti destinati alle politiche del rifiuto”.
Estremamente interessante anche l’analisi dei fondi nazionali e comunitari dedicati alle politiche migratorie in termini di integrazione.  Il report  sviscera le spese di ben 6 linee di spesa: il fondo per l’integrazione della Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali; il FEI (Fondo europeo per l’integrazione); lo SPRAR; l’Emergenza Nord Africa; FER (Fondo Europeo per i Rifugiati) e il Programma Operativo Nazionale “Sicurezza Sud”.

 

Mediamente gli stanziamenti ordinari destinati alle politiche di accoglienza e di inclusione sociale dei migranti si aggirano intorno ai 123,8 milioni di euro l’anno (da Portale Integrazione Migranti)